Sei un produttore di Barolo o Barbaresco? Devi assolutamente leggere questo articolo!

E se da un momento all'altro i prezzi di Barolo e Barbaresco diminuissero drasticamente? E se le preferenze di acquisto si modificassero a favore di qualche altro vino? Rimani a guardare oppure adotti delle precauzioni?
produttori di barolo e barbaresco
Roberto Bortolussi

Roberto Bortolussi

Ecco perché mi trovo a scrivere questo articolo: perché le cose nel tempo cambiano, i mercati cambiano, l’export cambia, i clienti cambiano ed anche i prezzi del vino o il successo delle cantine cambiano.

Sono solamente mie paranoie oppure si tratta di affermazioni fondate e verosimili? Lascio giudicare a te personalmente presentandoti due articoli pubblicati recentemente su testate molto importanti.

I titoli sono minacciosi:

In calo i prezzi al litro di Barolo e Barbaresco. E il presidente del Consorzio annuncia: “Per tre anni stop all’estensione dei terreni con quei vitigni”

LA STAMPA, 6 agosto 2019 (Clicca qui per il link all’articolo)

Il re dei vini si prende una pausa: tre anni di fermo ai nuovi impianti di Nebbiolo da Barolo.

In flessione i mercati tedesco e inglese.

TARGATOCN.it, 24 luglio 2019 (Clicca qui per il link all’articolo)

Caro produttore di Barolo o Barbaresco, oggi voglio parlarti di qualcosa di veramente importante e che potrebbe cambiare molte visioni rispetto al mondo del vino e alla tua pregiata uva che tanto ami!

Il territorio delle Langhe oggi (2019) è un concentrato incredibile di eccellenze, una di quelle aree d’oro dove chi vi è nato respira fin da piccolo una fortuna che altri invece non si sognano neanche, oppure che si devono sudare amaramente!

Due vini la fanno da padrone: il Barolo e il Barbaresco.
Amati e osannati dalla critica, bevuti nelle tavole degli stellati di tutto il mondo e talvolta venduti a cifre da capogiro.

Facendo un paragone d’oltralpe, è un po’ come essere a Bordeaux.

Tornando a noi, al mondo ci sono pochi vini e aree di produzioni con le opportunità uniche della Langa, quindi possiamo dirlo: sei veramente fortunato! Ma come ben sai la fortuna non è tutto, infatti è solo una base più solida da cui partire, una sicurezza in più diciamo.

Adesso ti invito a fare una riflessione che non ha la minima intenzione di essere aggressiva ma anzi vuole essere uno spunto da cui partire.

Possiamo suddividere, dopo aver studiato e partecipato attivamente da acquirenti ed appassionati che i grandi vini della Langa si dividono in tre principali categorie:

1) I Produttori Super Famosi

Sono conosciuti da tutti, sono in tutte le carte dei vini dei ristoranti blasonati e le enoteche espongono le loro bottiglie in vetrina per far capire che all’interno hanno bottiglie di pregio.

Stiamo parlando di produttori come Gaja e Roagna.

2) I Piccoli Produttori Amati Dagli Intenditori

Ci sono alcuni produttori che fanno vini da scalpore ma che hanno meno occasioni di essere tra i grandissimi del vino.

Non perché il loro prodotto sia di inferiore qualità (questo non sta a noi giudicarlo e ricordati che la qualità è quasi sempre percepita in maniera differente dalle persone, per cui non è un parametro attendibile per il marketing) ma soprattutto perché non hanno avuto le stesse abilità di marketing.

Nonostante questo i loro vini sono amatissimi dagli intenditori che quando sono nei ristoranti vogliono assolutamente provare un’etichetta nuova e ascoltano volentieri i sommelier. E qui ci sono un bel numero di produttori di Barolo o Barbaresco ma la maggioranza, purtroppo, è compresa nella terza categoria.

3) I Seguaci Dell’Export

Molti dei lettori di questo articolo si potranno riconoscere in questa categoria. I nomi Barolo e Barbaresco, si sa, vendono facile oggi.

E allora quando alla fiera di settore passa un importatore di un qualsiasi paese (cinese per esempio) e ti chiede di comprare il 50% della tua produzione annuale accetti praticamente immediatamente. E’ un dato di fatto, molti produttori di Barolo e Barbaresco non sono conosciuti neanche ad Alba (10 km di distanza) perché si concentrano solo sulla produzione finalizzata ad un export massiccio e non sul creare un sistema di vendita efficace in qualsiasi condizione di mercato e periodo storico. Purtroppo la critica non li cita perché non ha neanche il tempo di conoscerle tutte queste cantine e quindi in cantina al privato e più in generale in Italia vendono pochissime bottiglie!

Certo, ora Barolo e Barbaresco sono dei vitigni veramente alto vendenti, da cui si producono vini eccezionali e sicuramente la loro fama resterà tale per molto tempo, ma potrebbe essere che un giorno all’estero questi vini, per un motivo o per l’altro, vedano diminuire drasticamente le vendite.

D’altronde i gusti cambiano, le mode passano e i cicli si alternano.

Ecco solo alcuni dei motivi per cui bisognerebbe approcciare l’export con più cautela e per cui sarebbe cosa buona e giusta investire in una strategia di marketing completa:

  • la concorrenza crescente di vini di altissimo livello prodotti nel resto del mondo (Cile, California Napa Valley, Australia, ecc…)
  • la concorrenza della moda naturalistica e sempre più salutare che farà bere sempre meno in termini di quantità e sempre più biodinamico
  • oppure ancora la concorrenza delle birre artigianali e di tutti i distillati

Moltissime cantine di Barolo e Barbaresco vivono di questi due nomi che rappresentano e del loro potere sul mercato, ma non della forza della loro singola realtà o di un brand solido che hanno costruito.

In altre parole il successo che hanno oggi non è sotto il loro diretto controllo e da un momento all’altro potrebbe modificarsi.

A mio parere non vale la pena rischiare di vanificare gli attuali risultati raggiunti.

La cosa giusta da fare è avere la lungimiranza di proteggere le conquiste fatte assicurandole attraverso corretti investimenti di marketing.

Se questo passaggio che hai appena letto ti ha fatto riflettere e ti ha scaturito nuovi pensieri allora ho colto nel segno.

Ti consiglio di intraprendere il percorso Cantina Magnum per conoscere step-by-step tutto ciò che devi fare per assicurare nel tempo il successo della tua cantina: www.cantinamagnum.it.

Inoltre, se non ne fai ancora parte, richiedi subito l’accesso gratuito al gruppo su Facebook Wine Marketing Italia!

Ricorda sempre: la tua azienda oggi si trova in un’area fortunata, ma la fortuna va sviluppata in risultati concreti e i risultati concreti vanno mantenuti, se non aumentati, nel tempo.

A prestissimo!

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su email
Email
Roberto Bortolussi

Roberto Bortolussi

Aiuto i produttori di vino a vendere più vino e a venderlo meglio grazie a delle accurate strategie di marketing e comunicazione.
Sono specializzato nel garantire risultati e tutti i produttori e le cantine con cui lavoro hanno incrementato il numero dei loro clienti e i margini di guadagno.
Tu vuoi essere il prossimo?

Roberto Bortolussi

Roberto Bortolussi

Aiuto i produttori di vino a vendere più vino e a venderlo meglio grazie a delle accurate strategie di marketing e comunicazione.
Sono specializzato nel garantire risultati e tutti i produttori e le cantine con cui lavoro hanno incrementato il numero dei loro clienti e i margini di guadagno.
Tu vuoi essere il prossimo?

Magari ti potrebbe interessare anche...

Uncategorized

Effetto Coronavirus sulle vendite di vino

L’effetto Coronavirus si ripercuote anche sui tradizionali canali di vendita del vino. Cosa cambierà in futuro? Cosa è già cambiato? Qual è l’atteggiamento giusto per affrontare questo periodo di crisi? Intervengono nella puntata anche Francesco Farinetti, Luca Balbiano e Andrea Gori.

Continua a leggere...

Desideri lasciare un commento su questo articolo?

Vuoi vendere più vino?

Ho preparato per te 4 video gratuiti in cui ti spiego come puoi incrementare le tue vendite (ma soprattutto i tuoi margini di guadagno netti) nel 2020. Per accedere immediatamente ai video ti basta inserire la tua email qua sotto e cliccare sul pulsante di invio:

ROB S.R.L. © 2020 All rights reserved